Cien poemas para un verano
5.-Giana Nanini: Voglio il tuo profumo
Una oda sobre sexo, sudor y gritos

1 de julio de 2011

Giana Nanini apareció para variar en los noventa de la mano de Fuentenebro. Nos encantó: rockera, sentimental y una bestia humana. Y en italiano mediterráneo y sudado, pasional y al borde del desfallecimiento, de la total entrega. El amor y el bello (e impossibile) idioma de la mano y garganta de la bella Nanini nos hizo tarear noches enteras de Granada en italiano.


La tipa construye ambientes intensos, perfumados, y canta al amor, pero no al de la poesía sino al de las ganas de sexo y follar a fondo, qué diablos. Ya basta de convertir los posts en el puto patio de las Clarisas. Ella quiere tu perfume, a lo que hueles, a lo que transpiras, a lo que solo conoce alguien cuando se ha acostado contigo y ha disfrutado a fondo. Y, sobre todo, cuando lo recuerda, grita, desgarrada, "dove sei". ¿Dónde estás? Adorable y zorra, hija del rock and roll, poeta inmensa.




Nasce l'alba su di me
mi lascio andare al tuo respiro
e mi accompagno con i ritmi tuoi
ti sento in giro ma dove sei?
Con tutte quelle essenze che ti dai
non so chi sei non sudi mai sei sempre
[più lontano
Voglio il tuo profumo
voglio il tuo profumo
voglio il tuo profumo
dammi tutto il tuo sapore
no ti prego no non ti asciugare
se nella notte hai ancora un brivido
[animale]
sai di vento sai di te
sulla tua pelle addormentata
e mi accarezzo coi vestiti tuoi
ti sento addosso ma dove sei
nella mia stanza calda tu sei tu
stringimi ancora un po' di più di più
[di più la mano
Voglio il tuo profumo
voglio ii tuo profumo
voglio il tuo profumo
dammi tutto il tuo sapore
no ti prego non ti insaponare
se nella notte hai ancora un brivido
[animale]
voglio il tuo profumo
voglio il tuo profumo
dammi tutto il tuo sapore
no ti prego non ti insaponare
se nella notte hai ancora un brivido
[animale]
voglio il tuo
tutto il tuo profumo
voglio il tuo profumo
dammi il tuo profumo

UA-2404442-2